Segreto fra le righe

Segreto fra le righe

sabato 12 luglio 2014

Le inchieste marine del commissario Cantagallo

Il racconto continua la serie dei gialli del commissario Cantagallo (editi nel 2014 in ebook da Cavinato Editore) ma stavolta è ambientato a Castiglioni Marina, un grazioso paese di pescatori, inventato ma non troppo, della Toscana centrale dove il commissario trascorre il fine settimana con la famiglia. Il giallo è un’inchiesta perché il commissario Cantagallo svolge il ruolo di consulente investigativo per la “Benemerita” locale, i fatti da analizzare sono circoscritti a una zona limitata del paese e l’indagine del delitto si conclude nello spazio di tre giorni. Nell’inchiesta è aiutato da Bandino, il suo secondo del commissariato di Collitondi che trascorre anche lui con la famiglia il fine settimana a Castiglioni. L’azione di Cantagallo è disturbata dall’inetto maresciallo dei Carabinieri Remo Guerra e dal superficiale medico del porto Rodolfo Lanzara. Alla fine Cantagallo smaschera il colpevole con un geniale colpo a sorpresa e si gode finalmente il meritato riposo in riva al mare. In queste inchieste tutto è chiaro per l’incapace e imbarazzante maresciallo dei carabinieri Remo Guerra: si tratta di una morte accidentale come ne accadono tante nei posti di mare. In un primo momento per Guerra non ci sono alternative: la persona trovata morta non è stata uccisa. Ma le cose stanno proprio così? Guerra ne è sicuro perché l’ipotesi dell’incidente è stata confermata “in modo inequivocabile” dal borioso e pressappochista dottor Lanzara che non è nemmeno un medico legale ma è il dottore del pronto soccorso del porto. Però il Lanzara nelle sue “valutazioni volanti” non ne ha mai azzeccata una, e non lo vuole mai ammettere. Allora, il maresciallo Guerra, che ha poco intuito ma molta memoria delle fandonie del Lanzara, vuole fugare ogni dubbio su quella morte accidentale. Soprattutto vuole pararsi le spalle con il Comando di Rosereto, più che accertare la verità. Guerra conosce le abitudini vacanziere del commissario. Decide di chiamarlo per fargli fare un “controllino” e capire cosa sia effettivamente accaduto. Cantagallo è un po’ scocciato di dover lavorare anche nel fine settimana, ma alla fine finisce sempre per accettare l’offerta della “Benemerita”. Il commissario non vuol fare un piacere a Guerra ma piuttosto al suo secondo che è un carabiniere in gamba: il maresciallo Tompetrini. Cantagallo va sulla scena del delitto e intuisce subito che non si tratta di una morte accidentale. Il commissario si scontra sempre verbalmente con il dottor Lanzara perché non lo può sopportare. Il medico è un tipo sbrigativo e superficiale, ed è sicuro che il morto è deceduto per una tragica fatalità come tante altre che capitano a Castiglioni durante l’estate. Ma le cose stanno veramente così come sembrano? C’è sotto qualcos’altro? Questo è quello che deve scoprire il commissario Cantagallo che analizza i fatti attentamente annotandoli nel suo taccuino e ricostruisce quello che è effettivamente accaduto per scoprire l’autore del delitto. L’ultimo giorno Cantagallo escogita sempre una trappola per smascherare il colpevole e con un colpo formidabile a sorpresa viene a capo di un omicidio apparentemente sottovalutato.

Nessun commento:

Posta un commento